Linea green

Linea green

In questi ultimi anni termini come “eco-friendly”, “plastic-free”, “green economy” e “sostenibilità” sono sempre più comunemente usati a sostengono di una filosofia che punta ad aiutare a migliorare il presente per guardare con fiducia al futuro del pianeta.

La coerenza storica

La plastica, oggi di uso comune nelle nostre vite, è nata, tra prove e brevetti, nella seconda metà del ‘800 (https://it.wikipedia.org/wiki/Materie_plastiche) e ha visto il suo boom nell’epoca moderna del XX e XXI secolo. Pertanto, come è ben intuibile, la plastica può essere considerata come un elemento anacronistico se pensiamo all’epoca in cui è ambientato Assedio, tra il XIII e il XIV secolo. Abbiamo quindi ritenuto corretto e coerente limitare il più possibile la presenza di materie plastiche all’interno della scatola (packaging escluso).

Plastica
La plastica nel nostro quotidiano

L'influenza del settore produttivo

Nel corso del 2019 Assedio si è perfezionato molto a livello di componenti e nel materiale in cui produrli e in questo percorso certamente influenzato anche dalla storia e dall’economia della “bassa” fatta di artigianalità e industria del mobile, il gioco è arrivato ad avere più del 90% di componenti in materiale “sostenibile”.

Cubetti colorati
Cubetti colorati

Legno, carta e cartone

Le pedine, che rappresentano le armate delle 5 casate, sono state volutamente mantenute di legno e, nello specifico, si tratta di cubetti colorati 10×10 mm. Gli stessi castelli, per le 8 podesterie rappresentate sulla mappa, sono anch’essi in legno. A questi componenti, sempre in materiale riciclabile, vanno aggiunte le carte (missioni, figure e casate), le dipendenze, i vessilli delle casate da posizionare sotto il castello, la plancia in cartone e il regolamento. Gli stessi dadi D8 e D10 sono stati pensati in resina e non in plastica. Solo il confezionamento, della scatola e dei componenti sarà in materiale plastico, questo per poter garantire che la componentistica non si deteriori nella fase di distribuzione delle confezioni di Assedio.

Componenti di gioco
Componenti di gioco

Tra esperienza del giocatore e sostenibilita'

L’utilizzo quindi di componenti semplici e realizzati in materiali sostenibili, come quelli che venivano utilizzati in epoche passate dove non esisteva né la stampa 3D né tanto meno la stessa plastica, oltre a strizzare l’occhio al pianeta, ha anche l’obiettivo di migliorare l’esperienza di gioco dell’utente, il quale può viverlo in maniera più completa.

Cubetti
I cubetti colorati

Altri articoli

Assedio a scuola
news

Assedio a scuola

Crowdfunding – Cos’è e a cosa serve?
news

Crowdfunding – Cos’è e a cosa serve?

Linea green
news

Linea green

Il dipinto “L’assedio di Montagnana”
news

Il dipinto “L’assedio di Montagnana”

I corsi d’acqua
news

I corsi d’acqua

Assedio medievale – Le armi di difesa
news

Assedio medievale – Le armi di difesa

Assedio medievale – Le armi d’attacco
news

Assedio medievale – Le armi d’attacco

Assedio Medievale – Strategie e tecniche militari
news

Assedio Medievale – Strategie e tecniche militari

I castelli nel Medioevo
news

I castelli nel Medioevo

Le carte Figura
news

Le carte Figura

A cosa servono le carte Missione?
news

A cosa servono le carte Missione?

Le casate di Assedio
news

Le casate di Assedio

Cos’è una Podesteria?
news

Cos’è una Podesteria?

{"slide_show":"3","slide_scroll":"1","dots":"true","arrows":"true","autoplay":"false","autoplay_interval":"2000","speed":"300","loop":"true","design":"design-1"}