il gioco

Assedio è un gioco di strategia militare che unisce il gusto della battaglia e la sfida nella gestione di risorse offerte dai comuni posseduti. Ad aumentare il livello di tematizzazione storica si può scegliere la propria Casata di appartenenza e la Compagnia di Ventura che costituisce il vostro esercito.
Inoltre, per dare un “pizzico di sale”, ogni giocatore può avere una corte composta da un massimo di 8 Figure, dotate di alcuni “poteri speciali”. Per finire, ogni giocatore combatterà mediante l’uso del dado D6 avendo due modalità differenti per sostenere i conflitti: una per conquistare un comune e una per espugnare un castello nemico.

Tra storia e gioco

Il gioco è ambientato nella Bassa Padovana durante un periodo a cavallo fra il XIII ed il XIV secolo. Un momento storico caratterizzato da aspre rivalità fra le casate dei Carraresi e degli Scaligeri in primis, e poi dalla compresenza di Ezzelini, Estensi e Visconti.
Per tradurre in gioco questa straordinaria pagina di storia medievale è stata suddivisa in 45 comuni (che esistono tutt’oggi) una zona di confine fra le province di Verona, Padova, Vicenza e Rovigo. Un’area spesso coinvolta dalle esondazioni del Fiume Adige che l’attraversa tutta.

Alcuni componenti

Ogni giocatore dovrà scegliere una Casata e una Compagnia di Ventura e attrezzarsi con un valoroso esercito composto da Fanti, Arcieri e Cavalieri. Grazie all’impiego di questi soldati dovrà conquistare i comuni e appropriarsi delle sue risorse, necessarie per accrescere il numero di unità combattenti, di figure cortigiane e aumentare le monete nei suoi forzieri… perché la guerra costa!

Il gestionale

E’ stato introdotto un sistema gestionale, costituito da una cartella molto intuitiva. Ogni comune in vostro possesso vi concederà una risorsa prestabilita: Persone, Alimenti, Materiali o Commercio. L’insieme delle risorse che possiederete durante la partita andrà sistemato sulla cartella a seconda delle vostre esigenze, per ottenere unità combattenti, monete e figure di corte.

Battaglia

Il conflitto tra comuni si effettua tramite la somma del valore dei soldati aggiungendo anche il valore del lancio del dado (e di un bonus quando disponibile). A ciascun lancio di dado, attaccante e difendente confronteranno le rispettive somme e chi otterrà quella inferiore perderà un soldato.

L'assedio

Per conquistare un comune con il castello è stata introdotta una modalità di conflitto diversa: mediante l’uso di trabucchi e torri mobili, l’attaccante effettua attacchi a distanza e ravvicinati; al contempo, il difendente può fare affidamento sulla resistenza del proprio castello e dei propri soldati chiamati a difenderlo.

Altre informazioni